Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Come fare per la trascrizione di: nascita, matrimonio, pubblicazioni matrimonio, divorzio, morte

NASCITA

I figli di cittadini entrambi italiani o di almeno uno dei due genitori con cittadinanza italiana, anche se nati all’estero ed eventualmente in possesso di un’altra cittadinanza, sono cittadini italiani. Pertanto la loro nascita deve essere trascritta in Italia.

Per effettuare la comunicazione di una nascita in Armenia, bisogna presentare in Ambasciata i seguenti documenti:
• originale dell’atto di nascita, debitamente legalizzato con l’Apostille;
• traduzione in italiano dell’atto di nascita. Anche la traduzione va legalizzata con l’Apostille
• documentazione comprovante la cittadinanza italiana di almeno uno dei genitori (passaporto italiano o certificato di cittadinanza italiana);
• copia del passaporto dell’altro genitore, nonché traduzione asseverata in italiano dell’atto di nascita;
• richiesta di trascrizione (cliccare qui)

 

MATRIMONIO

Il matrimonio celebrato all’estero per avere valore in Italia deve essere trascritto in Italia presso il Comune competente.
L’atto di matrimonio rilasciato dalle Autorità locali dovà essere presentato a questa Ambasciata in originale e legalizzato con l’Apostille.
Se il matrimonio da registrare non è il primo, occorrerà anche trascrivere il matrimonio o i matrimoni precedenti e relativi divorzi, presentando la documentazione indicata in questo sito web.

Il cittadino italiano residente in questa circoscrizione e iscritto all’AIRE dovrà rivolgersi a questa Ambasciata per richiedere le pubblicazioni di matrimonio solo se il matrimonio verrá celebrato in Italia.
Per maggiori informazioni si prega di consultare la seguente Sezione “Pubblicazioni di matrimonio”.

Per richiedere la trascrizione in Italia dell’atto di matrimonio rilasciato dalle Autoritá armene, presentare i seguenti documenti:
• originale dell’atto di matrimonio, debitamente legalizzato con l’Apostille;
• traduzione in italiano dell’atto di matrimonio. Anche la traduzione va legalizzata con l’Apostille;
• documentazione comprovante la cittadinanza italiana di almeno uno dei nubendi (passaporto italiano o certificato di cittadinanza italiana);
• copia del passaporto di entrambi i nubendi;
• fotocopia del certificato di nascita del coniuge straniero tradotto in italiano (traduzione asseverata);
• copia del passaporto di entrambi i nubendi;
• richiesta di trascrizione (cliccare qui)

 

PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO

Le pubblicazioni di matrimonio in Ambasciata sono obbligatorie SOLO per i matrimoni da celebrare in Italia (sia civili che religiosi) o presso la Sede consolare. A tale proposito si fa presente che i matrimoni celebrati in Ambasciata non sono riconosciuti dall’ordinamento locale.
Requisito imprescindibile per i matrimoni celebrati in Ambasciata è che almeno uno dei due sposi sia cittadino italiano residente in questa Circoscrizione e regolarmente iscritto all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero).

Per richiedere un appuntamento per le pubblicazioni inviare una email a consolare.jerevan@esteri.it

All’appuntamento dovranno presentarsi entrambi gli sposi.

Le pubblicazioni devono essere effettuate nei sei mesi che precedono la data del matrimonio.
L’atto di pubblicazione sarà in affissione presso questa Ambasciata per la durata di 8 giorni consecutivi, trascorsi i quali sarà emesso l’Atto di avvenute pubblicazioni e sarà concessa la DELEGA per la celebrazione del matrimonio in Italia, che sarà anticipata tramite pec all’Ufficiale di stato civile del Comune interessato, e poi trasmessa in copia originale.
Si è pregati di fornire indirizzo e casella di pec dell’ufficio matrimoni del Comune competente e/o del Parroco nel caso di matrimonio concordatario.

I documenti da presentare sono i seguenti:
cittadino italiano iscritto nell’AIRE e residente in questa circoscrizione consolare:
•passaporto italiano;
•estratto per riassunto dell’atto di nascita (rilasciato dal Comune di nascita o di registrazione);
•certificato di stato libero che va richiesto sia al Comune di iscrizione AIRE in Italia (fino alla data in cui il cittadino italiano era residente in Italia), sia da parte dell’Ambasciata (per il restante periodo);
•richiesta di pubblicazioni (clicca qui);

 

DIVORZIO

Una sentenza di divorzio pronunciata all’estero non è considerata automaticamente valida in Italia. Per renderla valida occorre farla trascrivere presso il Comune italiano dove è avvenuto il matrimonio, oppure dove è stato registrato il matrimonio straniero.

I documenti che occorrono per la trascrizione in Italia sono:
•istanza di trascrizione della sentenza in Italia (clicca qui);
•compilare la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, fornita da questa Ambasciata, attestante che non esiste procedimento analogo tra le stesse parti, pendente davanti al giudice italiano, che abbia avuto inizio prima del processo straniero (clicca qui);
• la sentenza di divorzio munita del timbro: ‘‘per copia conforme all’originale’ e legalizzata con l’Apostille;
• traduzione in italiano della copia autentica della sentenza di divorzio, debitamente legalizzata con l’Apostille;
•certificato attestante il passaggio in giudicato della sentenza, munita del timbro: ‘‘per copia conforme all’originale’ , legalizzato con Apostille;
• traduzione in italiano del certificato attestante il passaggio in giudicato della sentenza, legalizzata con Apostille;
•una fotocopia di tutta la documentazione presentata.

In presenza di figli minori, allegare l’accordo sui figli minori (AGREEMENT FOR CHILDREN) , munito di traduzione in italiano. Sia l’accordo, munito del timbro “per copia conforle all’originale”, che la traduzione dovranno essere legalizzati con l’Apostille.
Tale accordo non e’ necessario qualora e’ menzionato nella stessa sentenza di divorzio.

NB.: Questi documenti debbono essere in copia certificata conforme all’originale.

QUALORA LA DOCUMENTAZIONE SIA COMPLETA E CORRETTA E LA PRATICA POSSA ESSERE PROCESSATA, I CERTIFICATI NON VERRANNO RESTITUITI.

Si informano i connazionali che, nel caso la suddetta documentazione pervenga a questo Ufficio incompleta o errata, la pratica non verra’ processata e i documenti verranno restituiti all’interessato.

 

MORTE

La morte di un cittadino italiano avvenuta in Armenia deve essere trascritta in Italia.

I documenti necessari per registrare il decesso sono:
•atto di morte in originale, legalizzato con Apostille;
•traduzione in italiano dell’atto di morte, legalizzata con Apostille;
•carta d’identità e passaporto italiano del defunto
•Richiesta di trascrizione da parte di un parente (cliccare qui)